E’ giunto in Siria, più precisamente a Latakia, attraverso un aereo militare, un cargo di 10.5 tonnellate contenente vestiti, calzature, giocattoli e dolciumi. Infatti il Centro russo per la riconciliazione dei partiti belligeranti in Siria ha consegnato nel paese mediorientale migliaia di regali provenienti da bambini delle principali regioni russe (Mosca, Tula, Pskov, Ufa, Kazan ed Orenburg).
“I bambini russi hanno inviato cibo,libri scolastici,inclusi libri di apprendimento di lingua Russa,molto popolare qui in Siria” così ha dichiarato presso la scuola di Latakia, Sergei Serobaba, rappresentante del Centro.
Svetlana Krasulya, docente di lingua Russa ha aggiunto:
“i 94 bambini dell’istituto, i cui genitori o fratelli sono morti nel corso del conflitto armato,sono stati felicissimi di accettare i regali dei loro coetanei russi. Anche in un complicato periodo di guerra come questo, è fondamentale che i bambini restino bambini, e quindi abbiamo voluto dar loro almeno un piccolo momento di gioia.”
Anche presso la scuola domenicale della chiesa di San Giovanni Battista a Latakia, sono stati consegnati numerosi regali per gli studenti, che hanno intonato canti natalizi per i militari russi.
 “Erano inni di glorificazione alla Vergine Maria” ha dichiarato il rettore della chiesa, l’Archimandrita Macarius. E poi “molti bambini sono venuti, nonostante il periodo di vacanze: infatti quando hanno appreso che i militari russi stavano arrivando, sono accorsi tutti qui. E’ davvero importante, poiché la chiesa insegna a ringraziare tutti, indipendentemente dalla religione.”
La vicinanza del popolo Russo al popolo Siriano  è stata ed è sempre più profonda e presente , a partire appunto, dagli strati più giovani della popolazione.
Di Ernesto Ievolella

Commenti