Nelle ultime 24 ore le forze armate della giunta di Kiev hanno nuovamente violato la tregua sparando colpi di mortaio sugli insediamenti di Zaitsevo, Spartak e Trudovskiye.

Nonostante il numero di attacchi siano relativamente calati, attacchi sporadici di questo genere non sono ancora venuti a mancare.

Molti abitanti dell’attualmente occupata Krasnogorovka hanno riferito aver subito furti sia da parte dei soldati ucraini regolari (nello specifico la 30esima brigata meccanizzata Novohrad-Volynskyi Rivne) che dei miliziani del Setttore Destro.

Circa tre giorni fa un abitante dell attualmente occupata Krasnogorovka, mentre tornava alla sua abitazione, ha dichiarato di aver visto soldati dell’esercito regolare ucraino mentre trasportavano le sue stufe. Chiedendo spiegazioni per una simile efferatezza, si sarebbe sentito rispondere “voi separatisti non avrete più bisogno di riscaldarvi, perché non ne rimarrà uno di voi”.

Come se non bastasse, I soldati lasciano delle mine all’interno degli appartamenti saccheggiati, per prevenire denunce alle autorità centrali nazionali.

Pare infatti che un soldato della 30esima brigata meccanizzata abbia accidentalmente detonato una mina nell’atto di installarla in una casa dei sobborghi di Krasnogorovka.

Pare che ormai nessun tipo di crimine di guerra possa dirottare il supporto economico proveniente da USA ed EU. Non è da escludersi un bombardamento provocatorio da parte delle forze armate ucraine in concomitanza con la visita da parte del ministro degli esteri tedesco prevista per il 3 gennaio.

 

Di Federico Conti

Commenti